5 buoni motivi per dire NO alla direttiva sui prodotti del tabacco

5 motivi per difendere il tuo diritto di scegliere. Agisci adesso!

PUNTO1

La direttiva limita la scelta di cosa consumare dimenticando la salute

La proibizione delle sigarette slim e con aromi come il mentolo, e la cancellazione dei pacchetti da 10 sigarette riducono la scelta senza affrontare il problema del fumo. Nessun vantaggio per la salute, ma meno scelta o il ricorso al contrabbando per trovare i vecchi prodotti

2

La direttiva toglie la possibilità di passare dalle sigarette a prodotti alternativi

Le sigarette elettroniche con nicotina si troveranno solo in farmacia. Perché combattere un prodotto meno dannoso del tabacco e limitarne la diffusione? Invece dei cittadini a trarne vantaggio saranno esclusivamente le farmacie.

3

La direttiva darà linfa alla malavita e alla contraffazione

Il proibizionismo ha sempre favorito l’illegalità. Grazie ai pacchetti indifferenziati aumenteranno i prodotti contraffatti con il risultato di arricchire la criminalità e di esporre i fumatori (compresi i minori) a maggiori rischi per la salute.

4

Si sceglie la paura a danno della corretta informazione

Mettere fotografie spaventose su tutti i pacchetti ha un obiettivo sensazionalistico. Ma agitare paure lontane non è mai servito, se non a rigettare gli argomenti razionali. Servono informazioni autorevoli, dati precisi e veritieri, per coinvolgere e far pensare.

5

Cosa verrà proibito la prossima volta?

In nome del benessere collettivo vengono introdotte sempre più limitazioni alle libertà individuali punendo ad esempio chi è sovrappeso per golosità, chi fuma o chi beve. Oggi tocca ai prodotti del tabacco, ma domani potrebbe toccare a una bevanda o a un formaggio tipico. Fino a dove arriveremo?

La petizione

Nelle prossime settimane le commissioni competenti del Parlamento europeo e, di seguito, l’assemblea Plenaria, voteranno la proposta di revisione della direttiva sui prodotti del tabacco.Nel testo attuale la direttiva prevede l’eliminazione delle sigarette slim e al mentolo, oltre che dei pacchetti da 10 sigarette. Si vogliono inoltre introdurre confezioni dal marchio indifferenziato, con immagini scioccanti che ricopriranno il 75% della superficie del pacchetto.Forti limitazioni saranno infine imposte alle sigarette elettroniche, mettendo a rischio un prodotto oggi alternativo al consumo di sigarette. Il risultato dei divieti previsti dalla direttiva sarà un aumento della contraffazione e del mercato nero a vantaggio della criminalità.
Posto che fumare nuoce alla salute, riteniamo sbagliati i contenuti e l’approccio di questa direttiva: il compito delle istituzioni dovrebbe essere quello di garantire i controlli e fornire ai cittadini tutte le informazioni reali -e non sensazionalistiche- perché possano adottare un comportamento corretto, non di imporre per legge i comportamenti che riguardano le scelte individuali.
Per questo motivo vi invitiamo ad ascoltare la voce dei vostri elettori e ad esprimere parere contrario ad una direttiva che, invece che ridurre i rischi, riduce la libertà di scelta dei cittadini.

-
testo

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Leggi la petizione.
Noi rispettiamo la tua privacy