Home » Blog » Oggi tocca al tabacco, domani a quali prodotti?

Oggi tocca al tabacco, domani a quali prodotti?

Oggi tocca al tabacco, domani a quali prodotti?

A chi tocca decidere quali prodotti possono essere consumati: alle istituzioni o ai singoli cittadini? Gli esempi di temi controversi di cui si è occupata la legislazione ai più vari livelli sono molti: bibite gassate, alcolici, dispute su tutela e origine dei prodotti tipici. E non solo nel settore alimentare, basti pensare alla fruizione di contenuti su internet o l’accesso ai servizi tra un paese e un altro. E’ giusto che le istituzioni se ne occupino. Noi vogliamo però sancire il principio della centralità del cittadino, che va responsabilizzato e non trattato come un bambino. Le proibizioni non hanno mai portato ai risultati sperati, anzi.

Dall’Italia all’Europa, fino agli Stati Uniti, in nome del benessere collettivo vengono introdotte limitazioni alle libertà individuali punendo ad esempio chi è sovrappeso per golosità, chi fuma o chi beve Non si tratta di condividere questi comportamenti, ma di esprimere una visione di Stato che non entra nelle scelte, negli orientamenti e nelle preferenze individuali dei cittadini.

Per questo motivo abbiamo deciso di lanciare la nostra prima petizione sulla libertà di consumo attorno ad un tema controverso quale la revisione della direttiva sui prodotti del tabacco che è attualmente in discussione a livello europeo.

Siamo consapevoli che fumare fa male, tuttavia crediamo che questa direttiva, non solo non risolva la questione dei rischi per la salute, ma allo stesso tempo rischi di peggiorare la situazione favorendo ad esempio contraffazione e contrabbando, limitando fortemente prodotti alternativi come le sigarette elettroniche.

Ad essere in gioco non è semplicemente il consumo di prodotti a base di tabacco, ma la difesa di un principio. Dire no a questa proposta di direttiva vuol dire arrestare una deriva burocratica e paternalista delle istituzioni: oggi sono le sigarette (compresi prodotti alternativi e meno dannosi come le sigarette elettroniche), domani potrebbero essere una bevanda gassata, un cibo tipico o alcuni tipi di cioccolato. Perché dovremmo sentirci dei criminali se vogliamo fumare una sigaretta o mangiare della cioccolata?

Fai sentire la tua voce, aderisci alla petizione!

-
Tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *