Home » Blog » L’agenda digitale vale due finanziarie

L’agenda digitale vale due finanziarie

L’agenda digitale vale due finanziarie

Un risparmio da 60 miliardi di euro, pari a un paio di manovre finanziarie. Sarebbe questo il risparmio che l’Italia metterebbe a regime con l’introduzione dell’agenda digitale. La stima è del governo Letta, che tra i punti prioritari del suo programma ha inserito la digitalizzazione del Paese. Sono tre i punti cruciali sui quali i tecnici stanno lavorando: l’istituzione dell’anagrafe digitale, l’identità digitale che permetterà a tutti di viaggiare in modo sicuro sul web e l’introduzione dei pagamenti online tra le pubbliche amministrazioni, le imprese e i cittadini.

«Bisogna mettere nelle condizioni i comuni di dialogare tra loro, in questo momento ognuno coltiva il suo orticello e nessuno è autorizzato ad entrare. Si farebbe un bel salto di qualità con la digitalizzazione dei comuni» ha dichiarato il ministro della Pubblica Amministrazione e Semplificazione, Gianpiero D’Alia, nel suo intervento al Digital government summit 2013. Per realizzarla, ha spiegato il ministro, «ci vorranno un paio d’anni di buon lavoro. Abbiamo iniziato bene e quindi siamo assolutamente ottimisti».

Un altro traguardo da raggiungere è la creazione di un portale unico delle pubbliche amministrazione. «Dobbiamo pensare di lavorare su un orizzonte di tempi brevi». La prima cosa da fare, secondo il ministro, è «formare dirigenti, quadri, tutto il personale pubblico in questo settore. Perché nella pubblica amministrazione meno del 10% dei dipendenti ha un’età inferiore ai 35 anni ed è un successo se sa usare il fax».

Secondo il ministro «in questi primi mesi di governo sono state individuate una serie di priorità che vanno dalla costituzione della cabina di regia unica alla nomina di Francesco Caio come commissario straordinario ». Se tutto procederà come dovuto, nel giro in un paio d’anni l’attuazione dell’agenda digitale sarà realtà. Un obiettivo è il dialogo online tra Comuni

tratto da repubblica.it
-
Tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *