Home » Blog » Il Ministro De Girolamo parla con Save the Choice

Il Ministro De Girolamo parla con Save the Choice

Il Ministro De Girolamo parla con Save the Choice

Questa mattina Save the Choice ha chiesto al Ministro della Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo, di esprimere il suo parere sulla proposta di revisione della Direttiva sui Prodotti del Tabacco. Ancora una volta il Ministro ha manifestato tutte le sue perplessità per delle misure che mettono a rischio la sopravvivenza della filiera del tabacco italiana, una delle più importanti del mondo.

“Premessa la condivisione di tutte le campagne e le iniziative politiche e legislative che mirano a tutelare la salute dei cittadini, come Ministro delle politiche agricole non posso non manifestare la mia preoccupazione per la tenuta della coltura del tabacco e dell’importantissimo indotto che questa tradizionale coltivazione produce nei territori italiani. Un’eventuale scomparsa della coltura del tabacco in Italia non comporterebbe ovviamente la fine del tabagismo nel nostro Paese”.

“Semplicemente importeremo la materia prima o il prodotto finito da Paesi terzi che non hanno gli standard qualitativi di tracciabilità dei prodotti italiani. Anche dal punto di vista fitosanitario la situazione peggiorerebbe notevolmente, in quanto in questi Paesi i sistemi di controllo non sono minimamente paragonabili agli standard europei”.

“Per questo motivo – conclude il Ministro – fino a quando esisterà un mercato dei prodotti derivati dal tabacco e ci sarà libertà di scelta nel consumo, l’Italia dovrà avere il diritto di poter continuare a produrre, con la qualità che ci contraddistingue anche in questo settore. Le coltivazioni di tabacco in Italia, tra l’altro, spesso sono collocate geograficamente in zone marginali, dove non ci sono alternative né per la produzione agricola, né per l’occupazione. L’intera filiera dà lavoro a 190.000 persone, e quindi a 190.000 famiglie. Non è pensabile, tanto più in un momento di crisi come questo, colpire un segmento così importante del nostro sistema agricolo”.

L’attuale proposta di revisione della direttiva sul tabacco, non solo riduce la scelta, ma mette a rischio 190.000 posti di lavoro.
Non hai firmato ancora la petizione? Cosa aspetti a farlo?


OGGI TOCCA AL TABACCO, DOMANI A QUALI PRODOTTI?

-
Tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *