Home » Blog » Il camion e la burocrazia

Il camion e la burocrazia

Il camion e la burocrazia

Questo è un collaudo. Francesco R. è il proprietario di un’azienda alimentare di medie dimensioni. Possiede un camioncino con la cella frigorifera; il mezzo è invecchiato. Decide perciò di cambiarlo. Passa da 8 a 10 tonnellate. Per cambiare il veicolo deve esibire i seguenti documenti alla Provincia: 1. fotocopia di certificato della Camera di Commercio, dove deve risultare la data di inizio dell’attività (l’ha cominciata suo padre 50 anni fa); 2. fotocopia del documento d’identità del rappresentante legale della azienda, e i tutti membri del consiglio di amministrazione, compresi i sindaci; 3. relazione dettagliata dell’attività della ditta su carta intestata della medesima e firmata, poi verrà trascritta nella modulistica per la provincia (occorre specificare il motivo per cui si necessita del mezzo che si intende acquistare); 4. fotocopia della carta di circolazione, licenze e certificati di proprietà dei mezzi intestati alla ditta di peso complessivo superiore a 60 quintali; 5. fotocopia dei documenti relativi al veicolo oggetto della domanda: fattura, atto di vendita, contratto leasing, carta di circolazione, certificato di approvazione, ecc.; 6. fotocopia delle carte di circolazione di macchine operatrici intestate alla ditta o copie di fatture di noleggio; 7. fotocopie delle patenti di autisti e loro posizioni Inps e Inail; 8. fotocopia integrale del libro matricola; 9. fotocopie autorizzazioni rifiuti in corso di validità o altre autorizzazioni ambientali; copie autorizzazioni esercizio piattaforme ecologiche.

Tutta questa documentazione è necessaria per la preparazione dell’istanza da presentare alla Provincia, che dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante o titolare e sarà quindi presentata allo sportello dell’agenzia nei giorni previsti. C’è anche un allegato da compilare, in cui dichiarare: numero dipendenti, come operai, autisti, impiegati; quanti sono i soci dell’azienda, le posizioni Inps e Inail di tutti. Inoltre, bisogna dichiarare il volume d’affari, i costi totali di esercizio, costi relativi al trasporto effettuato in conto proprio e in conto terzi, costi del lavoro dipendente, e altri dati contabili utili a giustificare la richiesta. Detto altrimenti: perché mai dovete comprare un altro mezzo di trasporto? Giustificatevi! Francesco sta pensando di trasferire la sua attività non molto distante da dove lavora, in Svizzera. Pratiche burocratiche con una sola firma. Pensa di acquistare là il camion nuovo. Forse due.

 

di Marco Belpoliti per La Stampa

-
Tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *